Al contenuto

Restauro e Rivitalizzazione del Castello

Il Castello ieri e oggi. Visitate la mostra a tema e fate un interessante viaggio attraverso lo sviluppo e il restauro del Castello di Lubiana. Nel corso dei secoli e della sua storia, ha cambiato diverse volte il suo aspetto fino a quello odierno.

Che cosa vi aspetta

I dati sul più antico insediamento del Colle del Castello risalgono al XII sec. a. C., quando gli abitanti di allora vi costruirono un castelliere – un insediamento fortificato. I pochi reperti archeologici – oggetti dell’epoca romana (I –IV sec. d. C.) – c’inducono a pensare che il Colle sia stato abitato anche in quel periodo.

Si presume l’esistenza di un primo castello di legno già nel secolo XI, ma è certo che sul Colle ebbero la loro sede i duchi carinziani di Spanheim nel successivo XII secolo e che nel XIII secolo, quando l'abitato ai suoi piedi ottenne i diritti urbani, fu eretta la prima fortezza di pietra, che era con le mura collegata con la città.

L'immagine odierna risale al XV secolo, al tempo del duca e più tardi imperatore Federico III di Asburgo, quando la fortezza di allora fu ricostruita su una scala più ampia, mentre le ali del cortile interno videro la loro graduale estensione nel XVI e XVII secolo. Durante tutto questo periodo il Castello era sia fortezza sia sede dei governatori provinciali della Carniola.
Nel XVIII secolo il Castello perse la sua funzione originaria e comparvero le prime idee sulla sua demolizione. Al tempo delle Province Illiriche (1809-1813), fu occupato dalle truppe francesi. Nel XIX secolo i suoi spazi furono trasformati in penitenziario e nella prima metà del XX secolo in alloggi per i cittadini socialmente svantaggiati.

In seguito, le numerose ricostruzioni cambiarono più volte il suo aspetto originario. Nel 1905 passò dallo Stato in possesso della città, che dopo il suo acquisto non fu in grado di realizzare maggiori investimenti nella sua ristrutturazione. Tale possibilità si presentò solo alla metà del XX secolo, quando, al fine di preservare questo secolare simbolo della città, ebbero inizio i preparativi per il suo totale restauro e fu bandito un concorso pubblico per ottenere le più appropriate soluzioni per la sua rinascita.

Il restauro si svolse in tre fasi: ricerca, rivitalizzazione e ristrutturazione. Fin dall'inizio furono inclusi nella realizzazione del progetto di ricostruzione gli esperti del Museo Civico di Lubiana e dell'Istituto per la Protezione dei Beni Culturali della Slovenia. Una delle principali guide del pubblico professionale e anche dei cittadini è stata quella di mantenere quanto più possibile invariata l'immagine originale del Castello. In base alla gara d’appalto, fu scelto come progettista lo Studio di architettura Ambient.

 

Slika obnova gradu

Percorso della visita

Il materiale fotografico è in mostra nel Lapidario inferiore, che si trova sopra la Stazione superiore della funicolare. Per individuare e confrontare con più facilità le differenze, che si sono verificate durante la ristrutturazione, sarebbe forse meglio se vedeste le fotografie due volte, una volta prima e una seconda volta dopo la visita.

Orari

Maggiori informazioni QUI.

Contatti

Castello Virtuale

+386 1 232 99 94

+386 41 732 654

virtualni-grad@ljubljanskigrad.si

CIN-CIN! L'ENOTECA VI INVITA

CIN-CIN! L'ENOTECA VI INVITA

Brindate alla vita nella nostra enoteca. Abbiamo una davvero una ricca scelta di vini sloveni di alta qualità, così ricca che dovrete ritornare più volte per assaggiarli tutti. Vi piacciono più i vini bianchi o rossi?


Incontra Federico, ratto!